Sono ormai diverse settimane che non vi parlo di capi di abbigliamento tecnico, e adesso che la primavera è alle porte è il caso di riprendere questa buona abitudine.

Oggi per la prima volta vi descriverò il test effettuato con alcuni prodotti di un marchio non specifico per il running, né che per il running ha una linea ad hoc, a testimonianza di come in questi ultimi tempi anche le aziende guardino con interesse alla sempre più diffusa inclinazione degli sportivi a praticare diverse discipline, o discipline per così dire ibride, come il CrossFit e la Spartan Race.

Plankon_logo

Plankon

Intercetta benissimo questa tendenza Plankon, azienda che nasce nel 2015 negli Stati Uniti ma il cui catalogo di abbigliamento sportivo è rigorosamente made in Italy. Plankon, proprio per assecondare la passione – in continua crescita – verso lo sport e più in generale verso il benessere, non solo dispone di capi tecnici versatili, coloratissimi e di alta qualità; è anche ideatore e promotore del format sportivo BYC Training; partner o sponsor tecnico di importanti eventi sportivi; ha tra i suoi prodotti una linea di creme da utilizzare prima e dopo l’attività fisica; dà inoltre la possibilità di personalizzare alcuni suoi capi, opzione sfruttabile sia dalle società sportive per le proprie divise, sia dagli organizzatori di competizioni o appuntamenti all’insegna dello sport. Plankon è, insomma, un marchio decisamente attento all’aspetto sociale della pratica sportiva.

Plankon_spyder
Maglia Spyder

Nonostante la lungimirante e meritoria prospettiva di questa azienda italo-americana, chi scrive – ormai lo avrete imparato – è un imperturbabile monomaniaco; ho dunque testato alcuni prodotti di Plankon, in realtà destinati a svariate discipline, nell’unico sport che pratico, il running.

Test dei prodotti e considerazioni finali

In una delle ultime giornate fredde dell’anno ho potuto indossare i manicotti, che assommano in sé tutte le caratteristiche dei prodotti Plankon, cioè attenzione alla qualità, al design e alla versatilità: di un vistoso giallo fluo, dunque spiccatamente giovanilistici (ma esiste anche una più sobria versione in nero), esercitano una leggera compressione sul braccio; la microfibra di cui sono composti garantisce allo stesso tempo un buon isolamento e una buona traspirabilità.

Per quanto riguarda le calze, le X-Light hanno la curiosa caratteristica di illuminarsi di notte, grazie a un micro LED che si ricarica con l’energia solare; sono robuste calze a mezza gamba in microfibra di poliamnide e fibra di carbonio.

Passiamo poi alle calze Compression Power Tech, il cui nome lascia poco spazio alla fantasia: si tratta di una calza lunga a compressione composta di tre tessuti, per tenere al sicuro il piede da micosi, vesciche e piaghe, noie che chi corre su lunghe distanze ben conosce. Inoltre la microfibra di polipropilene, in virtù della sua elevatissima capacità di espulsione del sudore, lascia il piede asciutto.

Plankon_calze
Calze Compression Power Tech

Veniamo alle maglie tecniche a mezza manica. La maglia Compression Power Tech, va da sé, ricalca le caratteristiche delle calze che portano il medesimo nome: leggerezza, resistenza, vestibilità e traspirabilità sono le sue peculiarità. La maglia Spyder, composta al 90% da microfibra di polipropilene, non altera la temperatura corporea e risulta particolarmente leggera e traspirante.

Da ultimo, ho avuto davvero ottime sensazioni allenandomi con i pantaloncini Power Tech, sempre della linea Compression: alle qualità derivate dalla commistione di microfibra di poliamnide e microfibra di polipropilene, di cui abbiamo già detto, si aggiunge qui un particolare piccolo ma per quanto mi riguarda rilevante: i pantaloncini non hanno alcun laccio in vita, ed è sufficiente la loro compressione e la loro linea a farli aderire perfettamente; ciò dà senza dubbio una bella impressione di leggerezza e libertà di movimento.

Soggiungo che tutti i prodotti Plankon hanno stampigliato il motto aziendale, Believe in your core, accompagnato dall’iconcina di un atleta impegnato in un esercizio di plank laterale.

Un plauso a questa azienda, capace di produrre capi di qualità ed esteticamente accattivanti, e capace inoltre di captare la tendenza sempre più diffusa a un comportamento salutistico a trecentosessanta gradi: alla pratica sportiva vista come momento avulso dal resto della giornata si sta infatti sostituendo – per un numero sempre più cospicuo di persone – una costante cura di sé, che comprende attività fisica, alimentazione, riposo e anche atteggiamento psicologico.

Buona vita sportiva a tutti!

Plankon_maglia
Maglia Compression Power Tech

Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Claudio Bagnasco
Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975. Suoi brani narrativi e saggistici sono apparsi su vari blog e riviste. Ha pubblicato alcuni libri, tra cui il romanzo "Silvia che seppellisce i morti" (Il Maestrale 2010) e la raccolta di racconti "In un corpo solo" (Quarup 2011). Ha curato il volume "Dato il posto in cui ci troviamo. Racconti dal carcere di Marassi" (Il Canneto 2013). Il 7 febbraio 2019 è uscito il suo nuovo romanzo, "Gli inseguiti" (CartaCanta). Con Giovanna Piazza ha ideato e curato il blog letterario "Squadernauti", che dalla primavera del 2019 diventerà rivista cartacea. Ha ideato Bed&Runfast (https://bedandrunfast.com/), il punto d'incontro fra il mondo del podismo e quello delle strutture ricettive. Dal 2013 abita a Tortolì, dove gestisce un B&B con la sua compagna, corregge testi, insegna le parole difficili a sua figlia e corre.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: