Sto bene: perché?

Cari e affezionati lettori della rubrica, se dovessi dirvi al volo una cosa, la prima che mi viene in mente, vi direi che in questo periodo sto bene, e mi sto allenando bene.

Però mi rendo conto che un articolo del genere sarebbe decisamente troppo breve, e mi meriterei le vostre proteste. Quindi mi toccherà, nelle prossime righe, motivarlo, questo mio stare bene. Proviamo.

Sto bene perché mi accontento

Sto bene, ma perché? Perché, anzitutto, mi sto accontentando. La mia terza maratona di Pisa, andata così così, mi ha confermato nel fatto di essere diventato un podista più lento rispetto a qualche anno fa.

Dismessa ogni velleità agonistica in questo senso (fino alla scorsa estate provavo ancora, con scarsi risultati, a rimanere su ritmi ormai non più frequentabili), ora sono felice e pacificato. E, avendo preparato malino Pisa, non sto facendo calcoli per la prossima gara regina che correrò, ossia Milano Marathon.

E, siamo proprio animali prevedibili, l’assenza di programmi od obiettivi rigidi mi sta facendo allenare con grande libertà e soddisfazione. Provare per credere.

sto bene

Sto bene perché fa freddo

Sto bene, poi, perché quando ci sono più di quindici gradi per me è agosto, sudo copiosamente e le mie già modeste prestazioni ne risentono.

C’è qualcosa di splendidamente romantico nel gettarsi in strada quando è ancora semibuio, la temperatura è rigida (e tra l’altro ci si maledice per essersi vestiti così leggeri).

Ma poi ecco arrivare il miracolo: passo dopo passo ci si riscalda, la luce del giorno piano piano si alza e, al di là dello spettacolo visivo, viene confermata l’antica regola per cui è meglio patire un po’ di freddo per il primo paio di chilometri, piuttosto che patire il caldo per tutti i restanti. E vi vorrei vedere, se i chilometri fossero una trentina.

Sto bene perché mi alleno di più

Qui il ragionamento è un po’ più articolato. Sto bene anche perché, ed è la prima volta per quanto mi riguarda, ho deciso di inserire un quinto allenamento in vista di Milano Marathon.

Quinto allenamento che non significa, nel mio caso, un approccio più professionale alla gara. Significa, semmai, che proprio perché sto preparando la maratona con grande leggerezza, percepisco ogni allenamento come una gioia (o meglio, come una gran fatica: la gioia è la sensazione che si prova ad allenamento ultimato).

Perciò ho lasciato che la corsa prendesse un po’ più di spazio nella mia quotidianità. Chissà: da anziano non escludo l’ipotesi di correre ogni giorno.

Sto bene perché… sto bene

Sto bene perché sono entrato in un piacevolissimo circolo virtuoso.

La somma delle precedenti motivazioni mi sta facendo correre bene, entusiasmo chiama entusiasmo, e devo dire che non sto viaggiando nemmeno su ritmi (per me) troppo disprezzabili.

Qui sarebbe anche legittimo aprire una parentesi sull’inutile selva di pensieri che affollano la mente di noi podisti amatori. Che, se è legittimo che ci poniamo traguardi, se è legittimo che cerchiamo di migliorarci fin dove possibile, dovremmo tuttavia smettere di tenere troppo accesa, durante il giorno, la spia del podismo.

L’atteggiamento mentale perfetto (possibile solo in teoria, lo so), sarebbe quello di non pensare mai alla corsa, ma farsi assorbire completamente da ogni allenamento, dando davvero il massimo.

Sto bene ma…

E, già che siamo dalle parti della consapevolezza, un altro atteggiamento da persona matura dovrebbe essere quello di ripeterci che, a una condizione di buona condizione psicofisica, ne seguirà necessariamente una di segno opposto. La raggiunta saggezza vorrebbe che non ci si esaltasse mai troppo quando le cose funzionano, né ci si abbattesse mai troppo in caso contrario.

Ma voi, la saggezza, l’avete raggiunta? Personalmente no, ma tra poco esco a correre: magari la trovo per strada.



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975. Suoi brani narrativi e saggistici sono apparsi su vari blog e riviste. Ha pubblicato alcuni libri, tra cui i romanzi "Silvia che seppellisce i morti" (Il Maestrale 2010) e "Gli inseguiti" (CartaCanta 2019), e la raccolta di racconti "In un corpo solo" (Quarup 2011). Ha curato il volume "Dato il posto in cui ci troviamo. Racconti dal carcere di Marassi" (Il Canneto 2013). Il 31 ottobre 2019 è uscito il suo saggio "Runningsofia. Filosofia della corsa" (il Melangolo, seconda edizione 2021). Con Giovanna Piazza ha ideato e cura il blog letterario "Squadernauti". Ha ideato Bed&Runfast, il punto d'incontro fra il mondo del podismo e quello delle strutture ricettive. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com. Dal 2013 abita a Tortolì, dove gestisce un B&B con la sua compagna, corregge testi, insegna le parole difficili a sua figlia e corre.