Macron, sport e oltre

Macron_logo

Se questo clima ancora incerto è fonte di insoddisfazione per tutti – specie per i devoti della stagione balneare – lo è ancora di più per noi podisti: non sappiamo se votarci definitivamente a canottiera e svolazzini, per non dire di come sottoponiamo il nostro organismo a piccole schizofrenie meteorologiche, correndo un giorno con venticinque gradi e il giorno dopo con quattordici. E lui non sa a quale temperatura adattarsi.

A somministrarmi un’iniezione di ottimismo ha pensato Macron, che mi ha inviato da testare una coppia di capi del nuovo catalogo estivo. Prima di parlarvene, lasciatemi spendere qualche parola sul marchio.

Macron_logo

Macron

Nonostante il nome possa trarre in inganno, Macron è un’azienda italianissima, fondata a Bologna nel 1971 e attuale sponsor tecnico delle nazionali di rugby italiana (dal 2017) e scozzese (dal 2016).

I principali segmenti di mercato in cui opera sono quattro: quello dell’abbigliamento sportivo per il tempo libero, quello dell’abbigliamento e degli accessori per una vasta gamma di sport di squadra, quello del merchandising (compreso il materiale per il tifo organizzato) e infine – eccoci a noi – quello per running e fitness.

L’attenzione non solo a una pluralità di sport, ma anche a un ventaglio davvero ampio di figure interessate a diverso titolo all’attività sportiva (dall’atleta amatore al campione, da chi pratica sport individuali a chi è inserito in un team, per arrivare non solo allo sportivo nel proprio tempo libero ma addirittura al tifoso), colloca Macron in una posizione di sicura originalità fra i vari marchi dedicati, appunto, all’abbigliamento sportivo.

Ma noi ci siamo sempre dichiarati, tra il serio e il faceto, corridori monogami: è dunque l’ora di vedere più nel dettaglio i due capi testati in allenamento.

Macron_pant

Il test dei prodotti

Partendo dai pantaloncini, i micro long short Oscar spiccano per leggerezza: il tessuto MDrySystem, composto da un insieme di fibre tessili, garantisce una grande traspirabilità e una rapida evaporazione del sudore. Il capo sempre asciutto consente dunque di correre anche per lunghe distanze con una costante sensazione di freschezza, oltre che con un basso rischio di irritazioni. Gli inserti rifrangenti, poi, permettono di essere visibili se si corre nelle ore serali.

Ma c’è di più: la mutanda interna ai pantaloncini, e soprattutto il design accattivante, danno la possibilità di convertire i micro long short Oscar in costume da bagno. E danno anche la possibilità, agli sportivi polivalenti, di organizzare un’uscita di corsa da concludersi con un rigenerante tuffo in mare. Infine i tre taschini, due laterali con zip e uno interno, fanno sì che il capo possa essere indossato anche in momenti informali al di fuori dell’attività sportiva.

Il secondo prodotto testato è la t-shirt Kenny, che condivide con i pantaloncini la grande leggerezza e traspirabilità (nonché gli inserti rifrangenti). La parte interna al colletto ha una fascia di tessuto tergisudore, e i fori sul retro aumentano l’areazione. Frontale è invece il foro per il passaggio degli auricolari.

Anche qui, il principio è chiaro: il capo è idoneo allo sportivo che cerca la miglior performance, ma le caratteristiche appena descritte, assieme alla linea affabile, ne fanno anche un oggetto di utilizzo casual quotidiano.

Macron_tshirt

Sport oltre lo sport

Come ci è capitato di dire altrove, alcune lungimiranti aziende – e Macron è tra queste – hanno intuito che ormai l’attenzione al proprio benessere psicofisico non prevede più sessioni di sport slegate dalla quotidianità, ma semmai un atteggiamento improntato alla costante cura di sé (anche attraverso, ad esempio, una corretta alimentazione). I capi tecnici Macron sembrano andare in questa direzione: verso l’assottigliamento, cioè, del confine tra momenti dedicati alla pratica sportiva e momenti di inattività. I prodotti che ho testato sono infatti di ottima qualità, eppure la loro estetica li rende simili ai capi di abbigliamento informale che tutti noi indossiamo.

Per quanto riguarda il podismo, infine, Macron ha colto il passaggio di questo sport da pratica di élite a fenomeno sociale: e quindi perché non permettere anche a noi tapascioni di allenarci con prodotti di prima scelta?

E cosa significa tapascioni ve lo ricordate, vero?


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Claudio Bagnasco
Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975. Suoi brani narrativi e saggistici sono apparsi su vari blog e riviste. Ha pubblicato alcuni libri, tra cui il romanzo "Silvia che seppellisce i morti" (Il Maestrale 2010) e la raccolta di racconti "In un corpo solo" (Quarup 2011). Ha curato il volume "Dato il posto in cui ci troviamo. Racconti dal carcere di Marassi" (Il Canneto 2013). Il 7 febbraio 2019 è uscito il suo nuovo romanzo, "Gli inseguiti" (CartaCanta). Con Giovanna Piazza ha ideato e curato il blog letterario "Squadernauti", che dalla primavera del 2019 diventerà rivista cartacea. Ha ideato Bed&Runfast (https://bedandrunfast.com/), il punto d'incontro fra il mondo del podismo e quello delle strutture ricettive. Dal 2013 abita a Tortolì, dove gestisce un B&B con la sua compagna, corregge testi, insegna le parole difficili a sua figlia e corre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here